Categorie
azioni giudiziarie

IL DANNO ESISTENZIALE E RESPONSABILITA’ DELLO STATO

Chiunque provoca un danno ingiusto è tenuto a risarcirlo (art. 2043 cc)

A tale precetto non sfugge nemmeno lo Stato, ovviamente, se dalla sua azione deriva un danno ingiusto, ovverosia contra ius, come si usa dire.

Il danno esistenziale può essere considerato una delle forme più gravi di danno che un essere umano possa patire, in quanto il bene che viene messo in pericolo è addirittura l’esistenza stessa (libera e dignitosa).

Potremmo declinare il concetto in mille modi (danno da discriminazione, ecc), ma penso sia sufficientemente chiaro il senso: al non vaccinato viene precluso di vivere normalmente in società, senza alcun fondamento scientifico.

Infatti, i vaccinati, non soggiacenti da alcun controllo, potranno infettarsi ed infettare (il fatto può considerarsi del tutto notorio) ma gli esclusi sono gli altri, i diversi, i non allineati, i non controllabili: i non vaccinati.

Può essere che prima o poi qualche giudice accolga le loro doglianze, le loro richieste di risarcimento.

Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri interessi od interessi legittimi (art. 24 Cost).

Serve, come in tutte le cose, consapevolezza e coraggio


3 risposte su “IL DANNO ESISTENZIALE E RESPONSABILITA’ DELLO STATO”

Io sono disoccupata da novembre 2020 per la legge per i sanitari l’obbligo di vaccino io non posso più cercare un lavoro, ma siccome nel 2020 ho fatto tantissimi tampone da ciò ho problemi ha deglutire, ma anche la mascherina dopo un anno di lavoro dove svolgevo il mio lavoro mi ha creato problemi di una cappa appena la indosso per fare la spesa. Non sono andata dal medico dopo aver avuto un diverbio con perché mi facesse il certificato di esecuzione del vaccino, lui ha risposto che non mi fa nulla anzi mi auguro di non trovare più lavoro, e da allora non vado più anche se ho avuto i sintomi di tampone e mascherina. Per che ho avuto nel 2015 l’ultima emiparesi facciale sinistra e stata la n 3.io questo vaccino non l’ho farò mai neanche se vengo fucilata. Sono abbastanza messa male. Ma mio è peggio per lavorare dal 15 ottobre che fa il tampone e ieri il datore di lavoro da la colpa della sua positività ai non vaccinati, visto che lui è positivo dopo terza dose, è vuole solo chi si fa il vaccino a parer mio non può fare vorrei un consiglio, e se mio figlio dovesse avere problemi lunedì mattina visto che si alza alle 4:30 per essere a lavoro alle 6:00 quando può farlo la notte che ha 1 e mezza di strada ogni turno grazie per una sua risposta.

"Mi piace"

Gentilissimo avvocato
Vorrei fare ricorso al garante privacy per discriminazione. Lei mi può aiutare? Mi iscrivo al sindacato.
Peraltro io sono guarita covid nel dicembre 2020, ho un livello anticorpale molto alto e per me il vaccino è inutile e anzi fonte di eventi avversi.

"Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...